venerdì 30 dicembre 2011

Panettone gastronomico: un antipasto ideale per il Capodanno 2012

Sono giorni di festa e immagino che sarete tutti pieni di cibo fin sopra ai capelli come me! Però ancora un piccolo "sforzo" ci tocca farlo: domani e dopodomani saranno due giorni impegnativi dal punto di vista delle calorie! Cosa avete intenzione di cucinare per il cenone del 31? Io vi suggerisco uno dei miei Antipasti per Capodanno preferiti: è un po' laborioso, ma il risultato è garantito! Vediamo come fare il panettone gastronomico, una vera gioia per gli occhi ma soprattutto...per le papille gustative!
Non è molto diverso da un pan brioche, soffice e profumato, che può essere riempito in base ai vostri gusti: per Capodanno suggerisco di puntare molto su salmone, tonno, maionese, insalata e così via. Ma anche gli insaccati di vario genere sono ottimi!



 ■Burro 150 gr
 ■Farina manitoba 250 gr
 ■Farina “00″ 250 gr
 ■Latte o acqua 200 ml
 ■Lievito di birra fresco 15 gr
 ■Sale 10 gr
 ■Uova medie 2 intere

Versate nella planetaria il latte tiepido, le uova intere e il lievito di birra sbriciolato; aggiungete la farina e iniziate ad impastare; aggiungete anche il burro morbido e continuate ad impastare fino a ottenere una palla liscia, compatta e morbida. Trasferite questo impasto in una ciotola ben imburrata e coprite con pellicola; lasciate lievitare almeno 1 ora in modo che raddoppi di volume; quando è gonfio, mettetelo in uno stampo imburrato e copritelo con pellicola fino a quando non si sarà espanso a riempire tutto lo stampo; togliete la pellicola e mettete in forno caldo statico a 180° per 45-50 minuti. Quando si raffredda, tagliatelo a fette come se fosse un toast o un pane in cassetta e farcitelo a fantasia!

mercoledì 21 dicembre 2011

Pesto di rucola e pomodoro pachino

Ieri ho chiesto a un mio amico (molto bravo in cucina, lo ammetto) di darmi un'idea per una ricetta da testare a cena. La richiesta era molto semplice: ingredienti non grassi, ma soddisfazione alle stelle! Insomma, il malcapitato si è dovuto spremere le meningi, ma alla fine ha tirato fuori una grande idea: le linguine al pesto di rucola e pomodoro pachino fresco. Devo dire che la ricetta risulta leggera (a meno che, come nel mio caso, non mangiate un doppio piattone!). Volete sapere come fare?

Ecco gli ingredienti:


Aglio 1 spicchio
Olio di oliva extravergine 1 bicchiere circa
Parmigiano Reggiano grattugiato 50 gr
Pecorino grattugiato 50 gr
Pinoli 50 gr
Rucola 100 gr
Una decina di pomodorini pachino
Sale q.b.

Volete sapere l'ingrediente segreto suggeritomi dal mio amico? Ok, avevo promesso di non svelarlo...ma fa lo stesso! Mi ha suggerito di aggiungere qualche foglia di basilico, che dà un profumo buonissimo alla salsa.

Ok siamo pronti per cominciare! Per prima cosa lavate la rucola, asciugatela e mettetela nel bicchiere del vostro mixer o del mortaio se preferite fare tutto a mano (ci vuole pazienza ma il risultato, a mio parere, è migliore perché si riescono a distinguere i sapori di tutti gli ingredienti); aggiungete i pinoli, il parmigiano reggiano, il pecorino, lo spicchio di aglio, il sale e un po’ di olio d'oliva. Frullate piano piano, con la velocità molto bassa e incorporate l'olio goccia per goccia, fino a quando avrete una crema bella liscia e omogenea. Tagliate i pomodorini pachino in piccoli pezzi e aggiungeteli al pesto facendoli macerare un po'; scolate le linguine al dente e saltate il tutto in padella, insieme a qualche cucchiaio d'acqua di cottura.
Vi è avanzato del pesto? Nessun problema, come per il pesto alla genovese anche questo alla rucola può essere conservato in frigorifero in un contenitore ben chiuso e coperto d'olio evo.
Non mi resta che ringraziare Fabrizio per la splendida idea!

martedì 20 dicembre 2011

Biscotti al cioccolato: ricetta dei Palicao

Chissà se qualcuno di voi ricorda i Palicao, quei deliziosi frollini al cioccolato che si scioglievano in bocca! In commercio non si trovano più, purtroppo, e per rimediare alla nostalgia di questi fantastici biscotti ho deciso di provare a farli nella mia cucina, sperando che il risultato si avvicini il più possibile all'originale.

Ecco cosa vi serve:
200 g di farina
25 g di cacao amaro in polvere di buona qualità
75 g di zucchero a velo
150 g di burro
1 tuorlo
Una presa di sale

Mescolare rapidamente tutti gli ingredienti fino a ottenere un impasto a forma di palla ed avvolgere con della pellicola trasparente.Lasciar riposare in frigorifero per circa un’ora.

Pre-riscaldare il forno a 180° C.

Infarinare il piano di lavoro. Stendere una sfoglia spessa 3 millimetri circa e con uno stampino apposito o con quello che si trova in casa (io mi sono servita di bicchierini da liquore e tappi vari) ritagliare dei piccoli cerchi.

Disporre i biscotti su una teglia ed infornarli a 180° C per 12 minuti circa.
Lasciar raffreddare, spolverare con zucchero a velo e servire.

venerdì 16 dicembre 2011

Ricetta dei Pancake americani

A casa mia c'è un'usanza che mi piace molto e non mi annoia mai: la domenica mattina (l'unico giorno in cui ci svegliamo tutti tardi!!) ci riuniamo in cucina e prepariamo montagne di pancakes, delle frittelle tradizionali americane che si servono con lo sciroppo d'acero, ma noi spesso ci mettiamo della marmellata o della crema di cioccolato e nocciole. Sono davvero buonissime e rendono la domenica una giornata ancora più bella e rilassante! Per fortuna mancano solo due giorni...Eccovi la ricetta, provatela!

Ingredienti:
125 gr di farina
25 gr di burro
15 gr di zucchero
6 gr di lievito chimico in polvere
200 ml di latte
2 uova
un pizzico di sale
marmellata o sciroppo d'acero o crema al cioccolato

Per prima cosa dobbiamo dividere i tuorli dagli albumi: in una terrina unite i tuorli al latte e al burro fuso mischiando con una forchetta e aggiungete pian piano il lievito e la farina setacciati senza creare grumi; montate i bianchi d’uovo e lo zucchero a neve piuttosto morbida (assolutamente non ferma, altrimenti quando andrete ad unire gli albumi al resto dell'impasto si formeranno molti grumi) e uniteli al composto di latte uova e burro e farina. Mettete un pentolino con il fondo abbastanza spesso su una fiamma media e fatelo scaldare; poi spennellateci sopra un po' di burro e versate al centro del pentolino un mestolino di preparato, e lasciate che si espanda da solo: quando il pancake sarà dorato, giratelo sull’altro lato per mezzo di una spatolina, come se fosse una crepe o una frittata, quindi fate dorare a sua volta anche l'altro lato e dopodichè saranno pronti.
Create la caratteristica pila di pancakes e ricopriteli a vostro piacere con zucchero a velo, marmellata, sciroppo d'acero o accompagnateli con della frutta. Farete un carico d'energia!! 

giovedì 15 dicembre 2011

Crepes alla nutella

Le crepes alla Nutella non sono solo una golosa tentazione da gustare durante una pausa, per dessert o come spuntino ma costituisce un binomio perfetto! 
Preparare una crepe alla Nutella è veramente semplice, e il risultato sarà un dolce irresistibile ad ogni età.


Giallo Zafferano


Difficoltà: Bassa
Tempi di cottura: 15 minuti
Preparazione: 10 minuti
Dosi per: 6 persone
Costo: Basso

Soddisfazione: Enorme!





Ingredienti:

40 gr. di Burro
250gr. Farina
1/2 L di Latte
1 pizzico di Sale
3 Uova
1 bustina di Vanillia
Nutella quando basta
1 bustina di Zucchero a Velo 


Tutto in poche mosse:

Scaldate il barattolo della Nutella a bagnomaria per renderla più fluida.
Preparate l’impasto delle crepes ponendo in una ciotola dai bordi alti la farina, la vanillia, il latte e il sale, e mescolando tutti gli ingredienti con uno sbattitore o un minipimer. In una terrina a parte,sbattete le uova e poi, sempre sbattendo, incorporatele al composto di latte
Lasciate riposare la pastella coperta almeno mezz’ora
Sciogliete il burro in un tegamino e incorporatelo all’impastoamalgamandolo bene, poi ponete una padella antiaderente per crepes sul fuoco e fatela scaldare, quindi versate al centro di essa un mestolo di impasto e, inclinando e ruotando la padella, in modo distribuirlo su tutta la superficie. Dorate la crepe per un minuto sul fuoco, poi giratela e fate la stessa cosa sull’altro lato; ponetela su di un piatto, spalmatela con un cucchiaio di Nutella, piegatela a metà su se stessa e poi ancora a metà, formando così una sorta di ventaglio. Cospargete la crepe di zucchero a velo e servitela.


mercoledì 14 dicembre 2011

Brasato al Barolo

Se avete del barolo provate questa ricetta dal sapore indimenticabile, il brasato al barolo è una carne dalla bontà unica. Apprezzerete davvero il sapore e la bontà della carne aromatizzata al barolo che gli consente di avere quel sapore divino ed irresistibile, la ricetta è semplice, il risultato dipende dalla qualità della carne e del vino naturalmente, ma se non avete del barolo e volete comunque preparare la ricetta, potete farlo con un vino rosso che sia buono e secco, il barolo ricordiamocelo è sempre meglio berlo...


Buona Ricetta
Dosi per 6 persone
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 120 minuti
Ingredienti:
1,5 kg. carne di Manzo (cappello del prete)  
60 gr. Lardo 
50 gr. Prosciutto crudo 
4 cucchiai di Olio 
1 bicchiere circa di Vino rosso (Barolo)
1 tazzina di Vinchef  
1 Cipolla 
2 Carote 
1 gambo di Sedano  
Salvia, Rosmarino, Sale, Pepe




Tutto in poche mosse!

Praticare qualche piccolo taglio nella carne, inserire dei pezzetti di lardo spruzzati con un pizzico di spezie. Mettere la carne in una casseruola con l’olio, il prosciutto e le verdure a pezzetti. Fare rosolare a fuoco vivo e versare il vino rosso. Aggiustare di sale e pepe. Quando la carne sarà ben rosolata da tutte le parti, abbassare la fiamma al minimo, coprire la casseruola e lasciare cuocere ancora per 1 ora e 30 minuti circa, aggiungendo ancora del vino e Vinchef se il fondo di cottura si facesse troppo denso. Quando la cottura sarà ultimata tagliare a fette non troppo sottili il brasato, passare il fondo di cottura con un frullatore ad immersione e versarlo sulla carne. Solitamente il brasato viene servito con del purè di patate o con la polenta.

Pollo al curry con contorno di riso basmati

Ieri sera c'era da me un amico che aveva avuto una giornata particolarmente pesante e il suo umore era...diciamo sotto terra; allora ho pensato a un antico rimedio usato da mamme, nonne e zie per far tornare il sorriso e cancellare i piccoli e grandi stress della routine quotidiana: il cibo! Lui è un grande appassionato di India, allora ho preparato una ricetta che mi aveva insegnato un cameriere di un ristorante indiano che frequento spesso; è un piatto unico, saporito, profumato...insomma, una di quelle cose che vi rimette al mondo! Ecco come fare per cucinare il pollo al curry con verdure e riso basmati d'accompagnamento.

Quello che vi serve per questa ricetta indiana è (ingredienti per 2 persone):
250 gr di pollo a cubetti
1 carota grande
1 zucchina grande
1 patata grande
1 peperone rosso (piccolo)
1 cipolla bianca
1 vasetto di yogurt greco (0% di grassi)
olio extravergine d'oliva
curry e sale q.b.

Cominciate prendendo la cipolla e affettandola a tocchetti non troppo sottili mettendola in un wok insieme all'olio; armatevi di tanta pazienza e pulite tutte le verdure, tagliandole a pezzetti piccoli (in particolare le patate che hanno un maggiore tempo di cottura); fate leggermente soffriggere la cipolla dopo di che tuffate tutte le verdure nel wok e lasciate cucinare a fuoco medio; salate le verdure e, quando sono già a buon punto con la cottura, mettete nel wok i cubetti di pollo (fateveli tagliare direttamente dal macellaio oppure fatelo voi, se preferite). Quando anche il pollo è bello dorato, salatelo e ricoprite il tutto con abbondante curry; lentamente incorporate tutto il vasetto di yogurt greco magro facendolo sciogliere a fiamma bassa. A parte lessate il riso basmati e servite in un piatto, senza mischiare il riso con il pollo e le verdure. L'effetto, anche visivo, vi porterà lontano!

martedì 13 dicembre 2011

Quiche al salmone con asparagi e porri

I soliti antipasti del cenone della Vigilia vi hanno annoiate? A me sì! Quest'anno ho deciso di dare una "rinnovata" al menù del 24 dicembre, che nella mia famiglia è tutto a base di pesce. Ho trovato una ricetta che mi stimolava e ho deciso di fare una sperimentazione in cucina, per provare il risultato: si tratta della Quiche al salmone condita con porri e asparagi. E' molto saporita e pratica, si può tagliare a quadratini in modo che tutti gli invitati possano assaggiarla! Vi dico subito come fare!




Gli ingredienti per la quiche sono:
400 gr di asparagi
250 gr di porri
250 gr di salmone affumicato
50 gr di burro
50 gr di panna fresca
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 disco di pasta brisè
sale e pepe q.b.

Per la besciamella
20 gr di burro
20 gr di farina
200 ml di latte
sale e noce moscata q.b.

Per prima cosa ci dobbiamo occupare del ripieno che andrà nella quiche: in una padella mettiamo i porri tagliati a rondelle sottili (solo la parte bianca) insieme ai 2 cucchiai d'olio e al burro e facciamo dorare leggermente; nel frattempo a parte facciamo lessare gli asparagi, avendo cura di eliminare il gambo troppo duro e legnoso; quando sono cotti, scolateli e tagliateli a rondelle, lasciando da parte le punte che sono più tenere e ci serviranno per la decorazione finale. Mettete gli asparagi insieme ai porri e fate insaporire, aggiungendo dopo qualche minuto il salmone tagliato a listarelle abbastanza grandi (lasciatene anche in questo caso qualcuna utile alla decorazione). Aggiungete la panna e mischiate delicatamente il tutto con un pizzico di sale e una spolverata di pepe. Mentre il composto si riposa ci occupiamo della besciamella, girandola costantemente per non farla attaccare; quando sarà pronta, anche la besciamella verrà incorporata al composto. Non ci resta che stendere la pasta brisè con della carta da forno o in una teglia imburrata e riempirla con il composto, decorandola con le punte di asparagi e qualche pezzetto di salmone.
Infornate a circa a 190° per 25 minuti circa; quando è pronta lasciatela riposare 5 minuti e servitela accompagnata da un bel bicchiere di vino bianco fresco!

lunedì 12 dicembre 2011

Vellutata alle carote

Non so il vostro lunedì, ma il mio comincia sempre con il proposito di fare un po' di dieta e di mangiare sano! Per questo motivo ho deciso di parlarvi di una ricetta che viene spesso sottovalutata, invece a me piace molto, soprattutto in inverno: la vellutata di carote accompagnata da crostini di pane integrale. E' semplicissima da fare, è delicata, ha poche calorie (soprattutto se utilizzate poco olio) e devo ammettere che la trovo veramente molto appagante!




Ecco gli ingredienti per preparare la vostra vellutata:
4 carote grandi
3 patate medie
2 scalogni
1 concentrato di verdure
1 panino integrale
olio extravergine d'oliva
sale q.b.

Per prima cosa puliamo carote e patate e laviamole per bene; poi tagliamo le patate a cubetti e le carote a rondelle (non troppo sottili, altrimenti si cucineranno troppo presto rispetto alle patate). In una casseruola dai bordi abbastanza alti mettiamo un po' d'olio e lo scalogno tagliato a fettine (non importa che siano sottili, tanto verrà tutto frullato); facciamo soffriggere lentamente, dopo di che mettiamo le carote e le patate tagliate a pezzetti, facendo soffriggere il tutto per qualche minuto (senza far attaccare, quindi mescolate con un cucchiaio di legno); copriamo il tutto con dell'acqua tiepida, mettiamo il concentrato di verdure (io solitamente uso quello in gelatina che rispetto al dado mi piace molto di più ed è più naturale), mettiamo un paio di prese di sale (durante la cottura assaggiate per vedere se va bene). Coprite con un coperchio e fate cucinare le verdure; quando le verdure sono pronte, munitevi di minipimer o mixer e frullate. In una padella antiaderente o su una griglia fate tostare il pane integrale tagliato a fettine di circa 1 cm. Servite la vellutata con un filo d'olio crudo e i crostini.

martedì 6 dicembre 2011

Torta alle carote

Uno dei miei dolci preferiti per la sua semplicità e genuinità: la torta di carote è uno degli abbinamenti che preferisco insieme al mio irrinunciabile tè delle cinque! Se a questo aggiungete che le calorie sono relativamente limitate rispetto ad altri dolci e che la realizzazione della torta è piuttosto rapida, vi verrà immediatamente voglia di andare al supermercato ad acquistare gli ingredienti...ammesso che non li abbiate già in casa!
Vi dico brevemente la preparazione, anche se i passaggi sono veramente molto facili e il risultato è garantito.

Ecco cosa vi serve:

300 gr di carote
300 gr di farina
180 gr di zucchero
50 gr di mandorle
90 gr di olio di semi
3 uova intere
1 bustina lievito chimico in polvere
1 bustina di vanillina
zucchero a velo q.b.

La prima cosa da fare, forse l'unica operazione un po' più laboriosa, è quella di sbucciare le carote e di tagliarle alla julienne molto finemente; mettetele poi in un colino in modo da eliminare l'acqua in eccesso; in una ciotola montate le uova con lo zucchero fino a ottenere un bel composto spumoso al quale aggiungerete la farina setacciata e tutti gli altri ingredienti uno per volta cercando di essere molto delicati per non far smontare le uova; infornate a 180° per 30 minuti, dopodichè abbassate a 170° e proseguite per altri 10 minuti; verificate la cottura con la prova stecchino: il dolce sarà pronto quando estraendo lo stecchino questo risulterà ben asciutto. Fate raffreddare nello stampo e poi trasferite su un piatto da portata e spolverate con zucchero a velo a piacere.

giovedì 1 dicembre 2011

Panettone al mascarpone

Ivan Borsato
Per inaugurare il mese di dicembre nella maniera più dolce oggi vi propongo una delle mie ricette preferite di questo periodo: il panettone con la crema al mascarpone.

Dal momento che panettone e pandoro in casa non mancano mai non passo un capodanno senza questa delizia!

Ecco la ricetta, semplicissima perché non dovrete fare altro che preparare la crema al mascarpone e ricoprirvi le fette di panettone. Vi stuzzica l'idea? ;)

Crema al mascarpone per Pandoro o Panettone


Ingredienti: pandoro di pasticceria, 5 uova, 5oo gr di mascarpone, un goccio di rum, un limone da grattare, zucchero, cioccolato fondente in blocco
Preparazione
1. Rompete 5 uova e battete con la frusta elettrica i tuorli insieme a 5 cucchiai di zucchero: montate bene e poi unite la scorza grattugiata di mezzo limone e un goccio di rum. Continuate a montare fino a quando non avrete un composto molto cremoso
2. Unite 500 gr di mascarpone e continuate ad amalgamare con le fruste
3. A parte montate a neve metà dell’albume che avete ricavato dalle 5 uova e aggiungete con un pizzico di sale: poi unite al resto della crema amalgamando a mano dall’alto verso il basso. Ponete in frigo a riposare per circa un'ora
4. Tagliate a fette il pandoro e versatevi la crema, poi guarnite con scaglie di cioccolato

martedì 29 novembre 2011

Taglioni all'astice

Spelucchino cucina blog
I tagliolini all’astice rappresentano un “classico” nel panorama dei primi a base di pesce (crostacei).
Come per molte altre preparazioni a base di pesce è molto importante per una buon risultato la freschezza degli ingredienti.
Se decidete (come ho fatto io) di utilizzare un astice “fresco” bisogna, prima di utilizzarlo, lessarlo per 5 minuti in acqua già bollente, scolarlo e pulurlo.
Per quanto riguarda la ricetta, in questo caso si tratta di preparare un sugo dalla cottura lenta e quindi lunga (durata 30 minuti).
Vi consiglio eventualmente di non utilizzare subito il sugo all’astice, ma di lasciarlo riposare (anche solo mezza giornata), perché il riposo conferisce uno spessore e un sapore molto più intenso a differenza di un sugo appena cotto.
In questa ricetta ho utilizzato dei tagliolini freschi, ma potete condire, con lo stesso sugo all’astice anche la pasta, come penne o spaghetti. 


Dosi per 4 persone
Tempo: 20 minuti preparazione 30 minuti cottura
Difficoltà: bassa



Ingredienti:


 un astice
1 scalogno
1 carota
1/2 gambo di sedano
1 tazzina di vino bianco
1 tazzina di vinchef
passata di pomodoro
sale
peperoncino
olio extravergine di oliva

Preparazione

Prepariamo l’astice, andando a lessarlo in abbondante acqua per 5 minuti.
Scolarlo, tagliarlo a pezzi e pulirlo (staccare le chele, la testa, e dividere in due parti la coda dell’astice e infine tagliarlo a pezzi).

In una pentola capiente, andiamo a preparare un soffritto con olio extravergine di oliva e il trito di scalogno, carota e sedano.
Aggiungere l’astice avendo cura di farlo rosolare per bene, e solo dopo aggiungere del vino bianco e vinchef.
Lasciare evaporare e aggiungere in seguito il passato di pomodoro.
Salare e aggiungere il peperoncino.

Cuocere il sugo all’astice per 30 minuti a fuoco basso, avendo cura di girarlo a intervalli regolari.

Nel frattempo portare ad ebollizione l’acqua salata per i tagliolini.
Appena l’acqua bolle buttare i tagliolini, avendo cura di mescolare molto bene per evitare che si attacchino.

Prendere un capiente sauté dove mettere parte del sugo all’astice, per poter “saltare” i tagliolini.

Scolare i tagliolini dopo un minuto da quando salgono a galla, e saltarli nel sauté aggiungendo del prezzemolo tritato, e avendo cura di far assorbine bene il sugo all’astice.

lunedì 28 novembre 2011

Polpettone al forno

Il mio Saper Fare
Cosa ho in serbo per la cena di stasera? Un piatto molto semplice ma buonissimo e soprattutto versatile: il polpettone.
Potete sperimentarlo anche a base di carne bianca: io mi sono addirittura cimentata nel polpettone a base di seitan!
Tempo fa' ho assaggiato un ottimo polpettone a base di pesce e adoro il polpettone di verdure.

Insomma, quali che siano i vostri gusti e i vostri credo alimentari credo c'è sempre un polpettone pronto a deliziarvi :)
Quello che vi propongo oggi è tratto dal blog Il mio Saper Fare: ringrazio Marisa Malomo per l'ottima ricetta e la consiglio a tutti voi!

Polpettone farcito


Ingredienti (4 persone): 500 g di macinato, 2 uova, pan grattato, parmigiano grattugiato, sale, 1/2 bicchiere di latte (facoltativo), 4 fette spesse di scamorza, 4 fettine di prosciutto cotto, olio extravergine di oliva, 1 bicchierino di Vinchef, un pizzico di pepe

Preparazione

1. Create un bell'impasto amalgamando il macinato insieme a uova, pan grattato, sale, pepe e formaggio. Se volete ammorbidire l'impasto potete versarvi mezzo bicchiere di latte
2. Dividete l'impasto in quattro parti, poi formate i vostri polpettoni farcendo con una fetta di scamorza e una di prosciutto
3. Adagiate in una teglia da forno, irrorate con qualche goccia di olio e un bicchierino di Vinchef. Poi cuocete per 20 minuti in forno preriscaldato a 180°

Nastrine

Sogni di Zucchero
La colazione di oggi è una delle mie preferite in assoluto: nastrine calde fragranti! Quante volte, lo ammetto, acquisto quelle del supermercato e poi le scaldo nel tostapane di primo mattino…. ;)

Il profumo è dei migliori, ve lo assicuro: ma quello delle nastrine fatte in casa è un'altra cosa. Dovete provare la ricetta per capire!!

Vi consiglio di mettervi all'opera nel week end, o in una giornata in cui avete molto tempo libero perché la preparazione è piuttosto lunga: preparatevi ad impastare, spennellare, ripegare, modellare…!

Ricetta delle nasrtine


Ingredienti
Per l'impasto: 450 gr farina, 25 gr lievito di birra, 200 ml latte tiepido, 50 gr zucchero, 50 gr burro, 1 scorza di limone grattugiata, 3 tuorli d’uova, 1 pizzico sale

per la crema: 200 gr burro, 200 gr zucchero

1. Sciogliete il cubetto di lievito nel latte tiepido e tenetelo da parte
2. Unite insieme farina, zucchero, sale, burro e scorza di limone grattugiata: poi rompete le 3 uova e versate nell'impasto solo i tuorli. Infine versate il lievito sciolto nel latte
3. Lavorate a lungo impastando con cura fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico: coprite con un tovagliolo e lasciate lievitare 1 ora
4. Nel frattempo montate il burro ammorbidito insieme allo zucchero per preparare la farcitura di crema
5. Una volta lievitato rimettete l'impasto sulla spianatoia, lavoratelo per sgonfiarlo un pochino e poi tiratelo bene fino ad ottenere una larga sfoglia: dividete per comodità in due parti cui darete una forma rettangolare
6. Spennellate con la crema di burro una parte di sfoglia (circa 20 cm) e poi rigiratevi un'uguale parte di pasta: spennellate nuovamente e rigirate fino ad arrivare alla fine della striscia
7. Schiacciate leggermente con il matterello e tagliate a strisce con un'altezza di circa 1,5/2 cm: date la forma a nastrina facendo fare una mezza torsione agli strati, spennellate con l'uovo e disponete in una teglia
8. Lasciate lievitare per un'ora e poi infornate a 180° per circa 15 minuti

venerdì 25 novembre 2011

Pandolce ligure

Mimina.org
Sapete cosa mi succede tra la nostalgia delle vacanze passate in Liguria e la voglia di quelle natalizie?


Succede che mi prende un desiderio irresistibile di pandolce!! In tempo zero corro a cercare tutti gli ingredienti (e non è una ricerca semplicissima, ve lo assicuro!) e mi metto subito ai fornelli :)

Devo però placare il mio impeto perché si tratta di una preparazione piuttosto lunga e impegnativa: ma io non mi scoraggio… ed eccomi all'opera!!


Ricette tipiche liguri: il pandolce di Natale


Ingredienti: 800 g farina, 25 g lievito, 200 g burro, 200 g zucchero, 1/2 bicchiere marsala, 50 g acqua ai fiori d'arancio, 100 g pinoli, 1 cucchiaio semi di anice, 50 g cedro candito, 50 g zucca candita, 200 g uvetta sultanina

Preparazione

1). Stemperate il lievito in mezzo bicchiere d'acqua tiepida. Nel frattempo predisponete 300 g di farina sulla quale andrete a versare il lievito: impastate accuratamente e, se necessario, aggiungete acqua. Infine mettete l'impasto in una terrina calda e tenetelo riparato in luogo tiepido almeno 6 ore

2). Disponete la farina rimasta a fontana e versate al centro l'acqua di fior d'arancio, il marsala, il burro fuso e lo zucchero. Amalgamate bene ed incorporatevi la pasta lievitata: dovrete ottenere un composto morbido e omogeneo, quindi forza e coraggio, bisogna lavorare l'impasto a lungo! Eventualmente aggiungete altra acqua

3). Mette a bagno l'uvetta per una trentina di minuti, poi asciugate e sgocciolate bene. Infine disponetela sulla spianatoia insieme ai semi d'anice, i pinoli, il cedro e la zucca candita tagliati a piccoli pezzi: incorporate il tutto all'impasto

4). Lavorate con forza almeno mezz'ora. Dividete l'impasto in 2 parti e date loro la forma di un pane rotondo. Deponete su una placca da forno imburrata racchiudetele in un tovagliolo in modo che non si deformino lievitando. Lasciate riposare 12 ore, poi togliete i tovaglioli, praticate una incisione a forma di triangolo sulla sommità di ognuno, quindi infornate a 180 gradi per 1 ora

giovedì 24 novembre 2011

Torta salata gorgonzola e noci

DonnaModerna
Il pranzo di oggi si preannuncia decisamente gustoso!

Per un'amante delle torte salate come me non c'è niente di meglio di una bella dose di sfoglia ricoperta di formaggio filante.

Uno dei modi migliori per sfruttare le buonissime noci raccolte un mese fa' che ancora campeggiano nella mia cucina :)

Ricetta con pere, formaggio e noci


Ingredienti: un rotolo di pasta sfoglia pronta, 250 g di gorgonzola, una pera Kaiser, 50 g di gherigli di noce, un cucchiaio di pecorino grattugiato, il succo di un limone, pepe
Preparazione
1). Sciacquate bene la pera sotto l'acqua, sbucciatela e tagliatela a fettine sottili: poi trasferite in una ciotola con acqua fredda nella quale avrete spremuto il succo di limone
2). Srotolate la sfoglia sulla placca da forno e incidetela leggermente a 2 cm dal bordo, disegnando un cerchio interno. Bucherellate con la forchetta e ripiegate verso l'interno il bordo della pasta
3) Cospargete sul disco che avete creato il pecorino e una parte dei gherigli di noce tritati: poi aggiungete il  gorgonzola tagliato a pezzettini, le fettine di pera sgocciolate e i gherigli di noce rimasti
4). Cuocete in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 25 minuti: il bordo dovrà essere ben dorato e il formaggio completamente sciolto
5). Sfornate e servite spolverando un pò di pepe a piacere

mercoledì 23 novembre 2011

Brownies alle noci

Cucina e passione
Alzi la mano chi non ama la cioccolata…
Un dolce dalle origini americane, delizioso, goloso ma soprattutto ciccolatoso.
Semplici da fare, in pochissimi passaggi avremo pronti i nostri Brownies.
Non è una vera e propria torta e non sono biscotti, ma sono talmente buoni, da riuscire a smettere di mangiarli.
Si possono lasciare direttamente nella teglia, oppure accomodati con una certa eleganza su di un bel vassoio, riusciranno sempre a stupirvi, e se poi li accompagnerete con della candida panna montata… beh, benvenuti in Paradiso!

Ingredienti

150 g di burro
250 g di zucchero
75 g di cacao
un pizzico di sale
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
2 uova fredde di frigo
60 g di farina 00
80 g di noci a pezzetti


Preparazione in 5 mosse:


  1. Scaldate il forno e impostare la T° a 180°, mettete la griglia sul ripiano più basso del forno, e foderate una teglia di 20 x 20 cm, con la carta forno.
  2. Sciogliete a bagnomaria, il burro, lo zucchero, il cacao e un pizzico di sale ,mescolando per far diventare il composto liscio, poi togliete la ciotola dal fuoco, e lasciate raffreddare.
  3. Unite la vaniglia, e le uova ,una alla volta, non aggiungendo la seconda, finché l’impasto non la avrà assorbita, mescolate molto accuratamente, e aggiungete la farina fatela amalgamare bene all'impasto, e sbattete con un cucchiaio di legno, finché il tutto non sarà liscio e lucido.
  4. Aggiungete le noci.
  5. Versate nella teglia, e cuocete per circa 20/25 minuti, poi sfornate e lasciate raffreddare bene, prima di tagliare i brownies a cubetti.

Ricetta Fonduta

Vinbuoni.it
Dopo il bellissimo week end trascorso con i nostri numerosi amici  e blogger all'insegna della buona cucina…. non abbiamo intenzione di "placarci"!

Nonostante le scorpacciate oggi bolle in pentola una gustosissima fonduta, che con una grattatina di tartufo trova il suo completamento ideale :)

D'altra parte la ricerca di questo fine settimana è stata molto fruttuosa e la cagnolina Luna ci ha portati alla scoperta di due piccoli e profumatissimi tartufi: mettiamoci subito all'opera!!

Fonduta con tartufo

Ingredienti: 40 g di burro, 400 g di fontina, 250 g di latte intero, pepe bianco q.b., 4 uova

Preparazione

1. Tagliate a fettine la fontina e lasciatela immersa nel latte all'interno di una pentola per un paio di ore
2. Poi cuocete a fuoco basso aggiungendo il burro e amalgamando bene il tutto con l'aiuto di un mestolo. Fate sempre attenzione a non portare ad ebollizione il formaggio, se vedete sbollicchiare abbassate il fuoco
3. Rompete le uova e tenete da parte i tuorli: versateli in pentola e proseguite la cottura mescolando per altri 30 minuti: il composto dovrà risultare mediamente denso e omogeneo
4. Togliete dal fuoco e servite, se avete delle fondine di coccio saranno perfette

sabato 19 novembre 2011

Girello di fassone al sale con zabajone al Vinchef

Per finire il nostro pranzetto ecco un secondo da vero chef! Sinceramente comincio ad avere qualche difficoltà.... ma a un boccone di assaggio non posso proprio dire di no!


Ingredienti: fettine di girello di vitello

Per lo zabaione: 2 Tuorli d'uovo, 1/2 guscio di Olio di oliva, 1/2 guscio di Vinchef, 2 - 1/2 guscio di vino bianco secco, sale


Preparate il girello con anticipo seguendo la procedura tradizionale.  Poi montate tutti gli ingredienti con una frusta con una cottura a bagno maria: sarà pronto quando rapprenderà ed avrà una consistenza di una crema.
Versate lo zabaione sulle le fettine di girello.

Ricetta di Barbara Pastura

Gnocchi di patate al ragù di salsiccia alla Vinchef

Ed ecco arrivato il momento di assaporare il primo: gli gnocchi fatti a mano e conditi con il ragù di salsiccia, una prelibatezza! Mi sono intrufolata in cucina e ho avuto modo di osservare la vicino la preparazione di questo piatto: mi è sembrata la più divertente in assoluto. Impastare e riempirsi le mani di farina non ha prezzo ;)

Ingredienti: patate, farina, olio di oliva, Vinchef, salsiccia, sedano, carote e cipolla

Per gli gnocchi: per ogni kg di patate lessate e schiacciate a caldo 300gr di farina, 1/2 tazzina di olio di oliva e 1/2 di Vinchef, noce moscata e sale q.b

Impastate energicamente le patate ormai ben fredde con gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e uniforme formate poi dei piccoli cordoni con un movimento rotatorio con il palmo e le dita, che poi si taglieranno in cilindri della grandezza di una nocciola che verranno poi passati sui rebbi della forchetta per dare la classica forma dei gnocchi con un foro centrale e le righe sul dorso per assorbire meglio il condimento.

Per il ragù di salsiccia

Tritate nel mixer le verdure con un cucchiaio di olio, rosolatele in un tegame e unitevi la salsiccia privata della pelle. Quando sarà ben dorata unite il Vinchef ed un mestolo di acqua, continuare la cottura per qualche minuto e aggiustare di sale se necessario.

Lessate gli gnocchi in abbondante acqua salata a cui avrete aggiunto un pochino di Vinchef, colate con una schiumarola e condite col ragù di salsiccia.

Ricetta di Barbara Pastura

Crostata porri e pancetta con profumo di Vinchef

Il pranzo prosegue con uno dei miei piatti prefertiti in assoluto: la torta salata!!

Ingredienti: Vinchef, 2 porri, 5 fette di pancetta, Olio di oliva, Sale, Pepe q.b.

Per la pasta al vino per una crostata: 300 g di farina 0, 100 g di Vinchef, 80 g di olio, 1 pizzico di sale

Impastare velocemente tutti gli ingredienti e far riposare in frigorifero per 20 minuti avvolta nella pellicola. Stendere poi con il matterello una sfoglia sottile ed adagiarla su di una teglia.

Per il composto: 4 uova, 200 ml di panna fresca, 2 cucchiai di parmigiano, 1 tazzina di latte, Sale, pepe q.b.

Sbattere le uova unire gli altri ingredienti emulsionando bene fino ad ottenere un composto liscio senza filamenti.
Dopo aver impastato stufare i porri tagliati finemente in olio di oliva salare e pepare a cottura ultimata sfumare con una tazzina di Vinchef.

Sulla pasta che avrete steso adagiare le fette di pancetta i porri stufati ed infine il composto di uova cuocere in forno preriscaldato per circa 30 minuti a 170/180 gradi.
Sfornare e servire calda.

Ricetta di Barbara Pastura

Bocconcini di galletto marinati al Vinchef

Ecco la ricetta per aprire le danze! Un antipasto gustoso e leggero che prevede una preparazione davvero semplicissima.

Ingredienti: fettine di petto di galletto, farina bianca, olio di oliva, cipolle, carote, sedano, aceto di vino, Vinchef, sale

Per la marinatura:

Stufare le verdure tagliate sottilmente in abbondante olio di oliva, unire l'aceto e il Vinchef: portare ad ebollizione versare in una ciotola dove unirete i bocconcini di galletto

Per i bocconcini:

Infarinate le fettine di petto di galletto che avrete tagliato a bocconcini  e rosolatele a fuoco lento in olio di oliva salate e a cottura ultimata sfumate con un bicchiere di vinchef adagiate i bocconcini nella marinatura lasciar insaporire per almeno 1/2 ora e servire tiepidi. Nel caso questa preparazione può essere preparata il giorno precedente e conservata in frigorifero al momento di portare in tavola intiepidire il tutto anche passandoli velocemente nel microonde per pochi istanti

Ricetta di Barbara Pastura

Tutti in cucina!!!

Eccoci arrivati alla parte più golosa del nostro week end! Dopo la cena speciale di ieri sera e la gita a Casa Toso di questa mattina, torniamo al nostro Agriturismo Tenuta La Romana per metterci ai fornelli :)

Qui si spadella che è una meaviglia e siamo tutti intenti nella preparazione di un prelibato menù, ideato dalla chef Barbara Pastura:




- Bocconcini di galletto marinati al Vinchef
- Crostata porri e pancetta al profumo di Vinchef
- Gnocchi di patate e ragù di salsiccia al Vinchef
- Girello di Fassone al sale con zabajone salato al Vinchef

Cosa ve ne sembra? Siete curiosi di scoprire le nostre ricette?
E' presto fatto: oggi, connessa al mio fido pc, vi svelerò qualche piccolo segreto dando una sbirciatina a quello che combinano i nostri blogger in cucina!

venerdì 18 novembre 2011

Vinchef Taste Week End

Buongiorno!! Oggi per Vinchef è una giornata molto speciale: inizia il Vinchef Taste Week End, il fine settimana all'insegna del gusto e della buona cucina, che si svolgerà tra le colline del Monferrato e gli splendidi paesaggi delle Langhe, vestiti dalle suggestive sfumature autunnali.

Un'occasione speciale per trascorrere due giorni alla scoperta dei sapori tipici piemontesi, passando attraverso la storia dei vitigni più pregiati fino ad arrivare a una coinvolgente ricerca del tartufo!
Ma la parte più saporita sarà racchiusa tra le mura del pittoresco Agriturismo Tenuta La Romana, che aprirà le sue cucine ai food blogger più capaci, intenti nella preparazione di succulente pietanze a base di Vinchef.

Vinchef, infatti, sarà presentato e proposto agli esperti di settore, che avranno modo di testarne in prima persona l'estrema praticità - quando si è dietro ai fornelli - e l'ottima qualità - quando si è dietro alla tavola imbandita.

Un fine settimana per chiudersi nel fantastico mondo della cucina, con una finestra - però - sempre aperta all'esterno attraverso i social media: grazie alla copertura in tempo reale su Facebook e Twitter sarà possibile partecipare "virtualmente" e seguire gli aggiornamenti, le foto, i commenti, interagendo in prima persona con i partecipanti.

Dal viaggio in pulmino alla cena di venerdì sera; dalla notte in agriturismo al risveglio; per entrare poi nel pieno del programma con la visita di Casa Toso, tra le più moderne realtà industriali del settore enologico italiano, che vanta una variegata offerta di vini tipici e spumanti prodotti nelle zone più fertili del territorio piemontese.
Proprio qui farà la sua comparsa il vero protagonista del weekend, l' "ultimo nato" in Casa Toso, il Vinchef.
Frutto dell'equilibrata miscela di erbe aromatiche infuse a lungo nel vino, Vinchef nasce dall'esperienza maturata nella produzione dei vermouth di alta gamma, per dare più sapore e più gusto alle pietanze di tutti i giorni in maniera naturale e genuina.
Dopo averne scoperto la storia e i piccoli segreti sarà il momento di sperimentarlo dando libero sfogo alla voglia di cucinare e, successivamente, a quella di saggiare i frutti del proprio operato ai fornelli.
Per finire in bellezza i food blogger saranno coinvolti in una caccia al tesoro molto speciale, in cui scopriranno tutti i trucchetti per scovare il tartufo, tra gli alimenti più tipici e rinomati della cucina tradizionale piemontese.

Da chef ad assaggiatori, da turisti a trifolai, gli invitati non avranno di che annoiarsi: tanto meno durante i tragitti, che percorreranno tutti insieme in pulmino. Un pò come in una piccola gita scolastica riservata ai primi della classe in cucina!

Volete seguirci? Unitevi a noi su Facebook o su Twitter!! Vi aspettiamo numerosi :)